La qualità dell'Olio Extravergine di Oliva EVO

Ditta Stella L' Enoagricola
Vai ai contenuti

La qualità dell'Olio Extravergine di Oliva EVO

DITTA STELLA L'ENOAGRICOLA
Pubblicato da Antonino Bottino in OLIVOCOLTURA · 10 Maggio 2022
Tags: ExtraverginediOlivaEVO
La qualità dell'Olio Extravergine di Oliva (EVO) nasce in campo e si esalta nel frantoio.
 
Alcune regole e suggerimenti
 
 
La composizione dell'olio in nessun modo potrà essere migliorata da interventi successivi alla raccolta.
 
La QUALITA' può essere conservata così come viene dal frutto; per questo occorre agire correttamente durante tutta l'annata agraria per ottenere un prodotto ineccepibile.
 
Queste note vogliono essere uno strumento per aiutarti a gestire razionalmente il tuo oliveto, per ottenere il massimo della qualità spendendo il meno possibile.
 
La Ditta Stella, col suo servizio di consulenza e la vendità di quanto ti potrà occorrere, è in grado di supportarti validamente nella impostazione di un progetto personalizzato.
 
Analizziamo uno ad uno i fattori della qualità:
 
CONCIMAZIONE
 
E' buona norma effettuare perodicamente (almeno ogni 5 anni) una analisi del terreno con particolare riguardo alla dotazione di macroelementi (N,P,K), del calcare totale attivo, del contenuto di Sostanza Organica, del suo grado di mineralizzazione (rapporto C/N).
 
Con circa 100 euro avrai uno strumento per operare coerentemente  risparmiando. Per il prelievo del campione e la scelta del laboratorio chiedi a noi.
 
L'elemento più importante su cui va posta attenzione è l'AZOTO che viene molto richiesto dalla pianta subito dopo la raccolta (lo immagazzina per poter meglio ripartire a Primavera). Un concime bilanciato con Azoto, Fosforo e Potassio, sparso ogni 2-3 anni, dopo la raccolta in pieno inverno, soddisfa le necessità fisiologiche della pianta. A Primavera si può completare eventualmente la dotazione necessaria di Azoto.
 
Altro fattore è la sostanza organica che può essere apportata al terreno con spargimento di letame oppure di Concimi misti o, ancora e meglio, con la pratica del SOVESCIO (assolutamente economico e resistente al dilavamento).
 
Una utile pratica è quella di sfruttare ogni trattamento che si renda necessario per apportare principi nutritivi sotto forma di concimi fogliari.
 
I Microelementi assolutamente necessari alla pianta anche se in piccole quantitàò,  sono forniti automaticamente (almeno ogni tre anni) o con concimi specifici o meglio e più economicamente, utilizzando concimi semplici che li contengono (Perfosfato minerale, Solfato ammonico, Solfato di potassio ecc.).
 
 
IRRIGAZIONE
 
Potendo, l'irrigazione, portata nei GIUSTI momenti,  amplifica la qualità del prodotto  migliorando l'equilibrio organolettico dell'olio. Non potendo irrigare si può procedere con una RIPPATURA al centro delle file dove si andrà ad incanalare molta acqua piovana.
 
 
POTATURA
 
Il principale obiettivo della potatura è rappresentato dalla ricerca e dalla conservazione di una condizione di equilibrio tra attività vegetativa e produttiva.
 
La chioma deve essere:
 
equilibrata nello sviluppo spaziale per assicurare alle diverse parti della pianta la stessa capacità di rifornimento di linfa;
 
arieggiata per evitare ristagni di umidità favorevoli allo sviluppo di numerose fisiopatie;
 
ben illuminata per favorire il processo fotosintetico e la differenziazione a fiore;
 
Da non dimenticare la utilità di eliminare periodicamente i polloni alla base della pianta che tolgono vigoria alla pianta e sono ingresso per malattie (es. Xylella).
 
 
LOTTA FITOSANITARIA
 
Esiste da anni una rete di monitoraggio dei principali parassiti che elabora un bollettino via SMS settimanale. Chiedici come iscriverti gratuitamente.
 
Ogni 3-4 anni, ove necessario, è utile prevedere un trattamento di “pulizia” invernale a base di Olio bianco minerale o Rame per combattere buona parte dei parassiti svernanti su tronco e ai piedi della pianta.
 
Annualmente, per mantenere in salute la pianta è utile fare un trattamento a base di Poltiglia Bordolese (o altra forma di Rame) per disinfettare le microferite prodotte nella fase di raccolta.
 
I trattamenti consigliati dal Bollettino via SMS vanno eseguiti TEMPESTIVAMENTE per essere in grado di essere realmente efficaci (predisporre il prodotto già in magazzino). Utilizzare trappole “feromoniche” per controllare Tigniola e Mosca e sistemi di cattura in campo (vedi come fare)
 
Considerare la possibilità di aggiungere concimi fogliari fosfo-potassici e rame ad ogni trattamento.
 
 
RACCOLTA
 
Per ottenere un'alta qualità, la raccolta va fatta, come regola generale, quando le olive sono a metà invaiatura (metà nere e metà verdi); in questo caso si migliora la concentrazione di fenoli nell'olio prodotto migliorando di molto sia la qualità organolettica sia la sua durata di conservazione.
 
Ormai è generalizzato l'uso di abbacchiatori o scuotitori; questi sistemi creano piccoli traumi nelle olive e, anche per questo motivo, ma non solo, si devono stoccare le olive in cassette o bins e occorre molire il raccolto in frantoio entro 12-48 ore al massimo.
 
 
STOCCAGGIO E CONFEZIONAMENTO DELL'OLIO
 
I nemici dell'olio sono la luce, le alte temperature, il contatto con l'aria.
 
La conservazione deve quindi essere fatta in contenitori scuri in vetro o banda stagnata o anche in bag in box. Occorre evitare che ci siano drastici sbalzi di temperatura e i recipienti devono essere ben colmi e chiusi. Ideale, per quantità medie e grandi, usare recipienti di acciaio a cappello galleggiante pneumatico o con immissione di azoto.
 
Importante è che l'olio sia filtrato; l'olio torbido è ammissibile solo per un consumo a breve. Il deposito naturale (morchia) nel tempo irrancidisce e rovina l'olio.
 
 
LE SOSTENZE FENOLICHE DELL'OLIO
 
La importanza alimentare dell'OLIO EVO di qualità risiede nei FENOLI. L'EVO è l'unico grasso alimntare che ne contiene in maniera significativa dal puto di vista qualitativo e quantitativo.
 
I Fenoli interagiscono, a livello dell'organismo umano, nei processi di ossidazione cellulare svolgendo azione preventiva per infiammazioni, salute cardiovascolare e invecchiamento precoce.
 
L'olio EVO è un alimento ma anche una medicina per chi lo consuma continuativamente.
 
Tutto il nostro lavoro consiste nel fare un olio ricco di Fenoli e di preservarli nel tempo.
 
 
ETICHETTATURA
 
L'etichettatura, che è un obbligo di legge, serve ad identificare e qualificare i nostri Oli di Qualità verso i consumatori.
 
Ti aiutiamo a fare facilmente una etichetta bella e a norma.
 
 
BIO, DOP, VEGANO
 
L'olio EVO di alta qualità è sempre più ricercato dal consumatore evoluto ed esigente. Olio DOP (denominazione di origine protetta), olio BIO e olio VEGANO (senza apporti, nelle fasi di produzione, di elementi provenienti dal mondo animale) sono le qualificazioni che consentono di fare un vero business di questo millenario prodotto.


stella bottino
DITTA STELLA L'ENOAGRICOLA
P. I.V.A.  01671790689  
Via TIRINO  66100 CHIETI  (CH)
Privacy Policy
Torna ai contenuti